CUCINE GALEOTTE

A mare culturale urbano (via G. Gabetti 15), nel percorso United food of Milano per la stagione estiva “dopo andiamo al mare?”, giovedì 14 luglio la serata sarà dedicata alle bune pratiche di formazione in carcere: dalle ore 18 si susseguiranno un dibattito, la preparazione/degustazione di piatti cucinati da cuochi e cuoche detenuti, un dj set, l’installazione fotografica “Sapori Reclusi”.

Giovedì 14 luglio 2016, dalle ore 18.00:
Il dj, economista, esperto di cucina, donpasta, definito dal New York Times “uno dei più inventivi attivisti del cibo”, ha disegnato all’interno della stagione estiva di mare culturale urbano, “dopo andiamo al mare? 2016”, un inedito percorso di appuntamenti tra cibo, arte e società: United food of Milano.
L’appuntamento di giovedì 14 luglio è dedicato alle buone pratiche di formazione nelle carceri italiane, tra cibo e fotografia: Cucine Galeotte illuminerà l’importanza della cucina nei percorsi di riabilitazione e riscatto negli istituti penali. Sono numerosi e virtuosi i progetti che in Italia puntano al reinserimento sociale e lavorativo dei detenuti attraverso la partecipazione a percorsi professionali incentrati sulle attività di ristorazione, dalle mense agli orti, dai biscotti al caffè, fino alla birra.
Parteciperanno Lucia Castellano, direttore generale Esecuzione penale esterna e di messa alla prova,
Valeria Verdolini, presidente della Sezione Lombardia dell’Associazione Antigone, Cosima Buccoliero, vice direttore del Carcere di Bollate, Davide Dutto di Associazione Sapori reclusi.
Dalle 19,30 saranno impegnati ai fornelli 6 cuochi/cuoche detenuti, provenienti dalle vicine carceri di Opera, San Vittore, Bollate, dalla casa circondariale di Pozzuoli (Coop. Lazzarelle) e dall’istituto di detenzione San Michele di Alessandria: ciascuno servirà al pubblico le proprie ricette preparate al momento.
Durante la cena sarà visitabile l’installazione fotografica Sapori Reclusi, realizzata da Davide Dutto dell’omonima associazione, in collaborazione con Associazione Antigone, composta da ritratti di cuochi/detenuti impegnati ai fornelli durante alcuni progetti di formazione.
Ingresso alla serata: 20 euro, gratuito per bambini fino agli 8 anni; include la degustazione di 6 piatti cucinati al momento, con un calice di vino (biglietti acquistabili online dal sito www.maremilano.org o direttamente in biglietteria la sera stessa).
Dal 15 al 17 luglio la Cascina ospiterà inoltre un mercatino per la vendita di prodotti artigianali e gastronomici realizzati in progetti di formazione nelle carceri italiane.