REGIONE LOMBARDIA RICORDA MARCO BIAGI CON LA PROIEZIONE DEL DOCU-FILM A LUI DEDICATO

Mercoledì 14 febbraio alle 17.00 Sala Biagi, Palazzo Lombardia, Milano

Mercoledì 14 febbraio alle 17.00, in occasione del 15° anniversario dell'entrata in vigore della legge n. 30/2003 - così detta Legge Biagi - che riformò il mercato del lavoro italiano, Regione Lombardia dedica un momento commemorativo al ricordo del giuslavorista bolognese, con la proiezione del docu-film “Marco Biagi” facente parte del ciclo “Nel Nome del popolo italiano”, prodotto da Anele con Rai Cinema e Rai Com e andato in onda su Rai1 il 6 settembre 2017.

A introdurre la proiezione, che si terrà nella Sala Biagi di Palazzo Lombardia, il presidente della Regione Roberto Maroni, la produttrice, fondatrice e AD di Anele Gloria Giorgianni e l’attore Massimo Poggio, narratore del docu-film su Marco Biagi. Diretto dal regista Gianfranco Giagni e prodotto da Gloria Giorgianni, il docu-film indaga la vita di Biagi come uomo, un docente universitario, chiamato dalla politica a fornire la propria consulenza su un tema difficile e caldo come quello del lavoro, e per questo brutalmente assassinato. Nel documentario, l’attore-narratore Massimo Poggio partecipa all’annuale biciclettata in onore di Marco Biagi, visita i luoghi di Bologna dove il Professore era solito passare con la sua bicicletta, da piazza Grande ai celebri portici del centro e incontra alcuni suoi colleghi della Fondazione Marco Biagi di Modena. Tante le testimonianze illustri dal mondo della politica, delle istituzioni, della stampa e dell’università, tra cui Tiziano Treu, Maurizio Sacconi, Lamberto Giannini, Antonio Marotta, Maurizio Landini, Guido Gentili, Giovanni Bianconi e Yasuo Suwa.

Con questa proiezione Regione Lombardia torna a ricordare Marco Biagi. La decima legislatura si era infatti aperta con l'intitolazione di una grande sala di Palazzo Lombardia alla sua memoria, mentre il 19 marzo 2013, in occasione dell'11° anniversario dell'uccisione del giuslavorista bolognese, in una cerimonia pubblica era stata inaugurata una targa a lui dedicata.

Simona Bastioni