TORNANO LE GIORNATE FAI DI PRIMAVERA, SABATO 24 E DOMENICA 25

Numerosi i siti che si potranno visitare in città, 185 in Lombardia e oltre 1000 in tutta Italia

Foto:Talpa "Stefania" metropolitana M4 alla Stazione Forlanini   

La grande festa della bellezza italiana. Ecco cosa sono le Giornate Fai di Primavera. Un evento che con l’arrivo della primavera ritorna per la 26esima edizione che vuol superare barriere e schieramenti e offrire a residenti e turisti tanti luoghi meravigliosi del Paese che sono bene comune di ogni italiano. Così in queste due giornate si potranno ammirare in via straordinaria palazzi della politica, aree archeologiche, borghi ricchi di tradizioni, ma anche luoghi dello sport e della produzione, fino a chiese e monumenti che celano spazi inaspettati. “È un appuntamento - ha precisato Andrea Rurale, presidente Regionale Fai Lombardia - possibile grazie all’enorme lavoro che fanno i volontari Fai a Milano, 450 persone che mettono a disposizione il loro tempo per accompagnare le persone alla scoperta delle bellezze che ogni anno vengono mostrate”. In tutta la Penisola negli oltre 1000 luoghi aperti al pubblico i volontari sono 50mila. A Milano città sono ben 21 i luoghi che si potranno visitare. Tra questi l’Ippodromo Snai San Siro. Si tratta dell’unico ippodromo al mondo dichiarato monumento di interesse nazionale (dal 2004) e per la prima volta entra a far parte dei tesori culturali italiani. Qui si potranno visitare la Palazzina del Peso, struttura liberty degli anni ’20, la sala Bilancia dove vengono pesati i fantini e la loro sella prima e dopo le corse e si potrà ammirare nella Tribuna Secondaria l’imponente statua del Cavallo di Leonardo alta oltre 7 metri a dal peso di circa 10 tonnellate. Porte aperte anche allo Stadio Meazza dove si potranno anche visitare gli spogliatoi delle due squadre milanesi e percorrere il tunnel che li collega al campo. E ancora la Sala Consiliare e il Belvedere del Grattacielo Pirelli simbolo della città neoindustriale progettato da Giò Ponti e Pier Luigi Nervi, simboli antichi , ma anche moderni. Si potrà infatti, visitare un cantiere della nuova metropolitana M4 alla Stazione Forlanini, dove pochi giorni fa è emersa la “Talpa Stefania” che ha terminato più di un terzo degli scavi di tutto il percorso, questa stazione sarà aperta all’inizio del 2021. Ha spiegato Marco Granelli, assessore Mobilità e Ambiente del Comune di Milano. Particolare l’iniziativa Fai Ponte tra Culture, infatti, a Milano, per ammirare l’Hotel Diana Majestic saranno presenti mediatori culturali per visite guidate in 16 lingue, dall’italiano, francese, inglese, fino al russo, cinese, ebraico e arabo, solo per citarne alcune. E ancora le Vetrate Artistiche Grassi in Via Mecenate 10, la storica bottega artigiana. Anche quest’anno saranno presenti guide d’eccezione, ossia gli Apprendisti Ciceroni, giovani studenti che illustreranno aspetti storici e artistici dei monumenti.


Elenco completo dei beni aperti www.giornatefai.it o tel. 02467615366


Manuelita Lupo