“LEZIONI DI STORIA” IN SANTA MARIA DELLE GRAZIE

Dal 6 al 27 giugno, quattro mercoledì sul tema “Il potere degli antichi” in Santa Maria delle Grazie

Ha preso il via mercoledì 6 giugno il primo appuntamento del nuovo ciclo di Lezioni di Storia, che ormai tradizionalmente si svolge presso la Basilica di Santa Maria delle Grazie ogni mercoledì alle ore 21.

 

Quattro incontri, dal 6 al 27 giugno, introdotti da Chiara Continisio sul tema ‘Il potere degli antichi’.

La prima lezione, il 6 giugno, ha visto protagonista Andrea Carandini, che ci ha parlato del potere nell’antica Roma attraverso la vita e gli intrighi di Agrippina, pronipote di Augusto, sorella di Caligola, moglie di Claudio e madre di Nerone. Una donna con un chiaro progetto politico e disposta a tutto pur di realizzarlo.

Andrea Giardina il 13 giugno ha illustrato cosa accade quando una grande religione monoteista arriva al potere in uno sterminato impero come quello di Costantino.

Il 20 giugno sarà la volta di Luciano Canfora che rifletterà sull’esercizio del potere partendo dalle gesta di un grande condottiero: Giulio Cesare.

Chiude il ciclo il 27 giugno Eva Cantarella con Ulisse e il potere della libertà.

L’iniziativa, promossa dal Comune di Milano, ideata e progettata dagli Editori Laterza in collaborazione con la Fondazione Corriere della Sera e i Padri Domenicani del Centro culturale “Alle Grazie”, è realizzata grazie al contributo dello sponsor Banco BPM e il sostegno della Fondazione Pasquinelli e di Rodrigo Rodriquez.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

PROGRAMMA

Mercoledì 6 giugno

Andrea Carandini

Agrippina e il potere delle donne

Quanti segreti può nascondere una famiglia? Pronipote di Augusto, sorella di Caligola, moglie di Claudio e madre di Nerone, Agrippina è protagonista di lotte e intrighi che travagliano le dinastie. Ha sostenuto sanguinose guerre in famiglia, quanto quelle rivolte ai nemici, ma, Augusta essa stessa ha proceduto con spirito indomito verso la sua visione del mondo.

Andrea Carandini è professore emerito di Archeologia classica e Presidente del FAI.

Mercoledì 13 giugno

Andrea Giardina

Costantino e il potere dell’unico Dio

L’ascesa al potere di Costantino corrisponde a una rivoluzione celeste: il Dio dei cristiani come unico e vero. È il trionfo della Chiesa cattolica, cioè “universale”, mentre si restringono progressivamente gli spazi per i seguaci del paganesimo, per gli ebrei, per i cristiani eretici.

Andrea Giardina insegna Storia romana presso la Scuola Normale Superiore di Pisa.

Mercoledì 20 giugno

Luciano Canfora

Cesare e il potere del capo

Come si guidano gli uomini? Giulio Cesare è stato un geniale condottiero, ma anche un “dittatore democratico” capace di coniugare intelligenza politica e arte della guerra.

Luciano Canfora è professore emerito all’Università di Bari.

Mercoledì 27 giugno

Eva Cantarella

Ulisse e il potere della libertà

Quando è nata l’idea moderna di libertà? Per molto tempo in balìa di forze superiori e incontrollabili, per gli uomini dell’antichità greca la conquista dell’autonomia morale è il risultato di una lunga e faticosa presa di coscienza. Ben rappresentata dalla straordinaria storia di Ulisse.

Eva Cantarella ha insegnato Istituzioni di Diritto greco antico all’Università statale di Milano.