Teatro San Babila

La programmazione degli spettacoli in scena al teatro San Babila nel mese di novembre.

L’abito della sposa

Un profumo, un sapore, qualcosa di conosciuto ma nello stesso tempo inafferrabile: questo è il delicato scritto di Mario Gelardi, un testo che ci fa riscoprire un’età dell’innocenza, con piccoli scarti e virate improvvise. La storia del sarto Lucio e della ricamatrice Nunzia è la storia di due solitudini, di due tenere figure unite da un segreto: una storia necessaria in un tempo come il nostro, in cui il frastuono rischia di coprire qualsiasi emozione. E poi un viaggio tra le canzoni e le atmosfere di un’epoca -gli Anni Sessanta - dove le prime grandi tragedie del nostro Paese si mescolano con i primi timidi eventi personali destinati a cambiare l’esistenza di quelle due fragili vite. Uno spettacolo di forte atmosfera che ti prende lentamente fino alla catarsi finale dei.protagonisti. (Da una nota di Maurizio Panici ndr.) L’opera andrà in scena dal 6 al 15 novembre.

Cin Ci Là

Cin Ci Là è una favola assurda e divertente, scritta dalla storica accoppiata Lombardo-Ranzato nella prima metà degli Anni Venti, ed è anche l’unica operetta italiana in cui anche il tenore e il soprano, di solito relegati alle classiche parti seriose, hanno parti comiche come Cin-Ci-Là e Petit-Gris, rispettivamente soubrette e comico. Al suo debutto, Cin Ci Là, per effetto dell’argomento un po’ piccante per quegli anni, era stata definita un’operetta un po’ osé. La trama è presto detta: siamo a Macao, in una Cina da cartolina illustrata e in pieno Cion-ki-sin. Il Cion-ki-sin è un periodo particolare durante il quale sono sospesi divertimenti e lavoro fin quando i Principi della casa regnante, dopo essersi sposati, non avranno consumato il matrimonio. I due sposi sono giovani e tutto farebbe pensare ad un Cion-ki-sin di breve durata, ma ahimè Ciclamino e Myosotis, non hanno le idee molto chiare su quelli che sono i doveri matrimoniali. Il mandarino Fon-Ki, padre di Myosotis è disperato: come far finire il Cion-ki-sin? A salvare la situazione ci penserà ancora una volta Cin-Ci-Là. Basterà trovare un’istruttrice con i fiocchi per Ciclamino e chi meglio dell’attrice cinematografica Cin Ci Là, sua ex amante appena giunta da Parigi per girare un film, gli potrà risolvere l’annoso problema? Intanto sulle tracce della bella Cin-Ci-Là giunge a Macao il suo eterno e sfortunato innamorato Petit-Gris che, scoperta l’alta missione cui si sta dedicando la sua amata, non perde l’occasione per renderle pan per focaccia e “istruire” a sua volta la dolce e ingenua principessa Myosotis. Ma la cosa si scopre ben presto e Fon-Ki, padre della principessa va su tutte le furie e... Lo spettacolo si terrà al teatro san Babila il 21 e 22 novembre, con il biglietto di ingresso unico a 25 euro.

Nina

Nina mette in scena il classico triangolo lui, lei, l’altro. Inossidabile e resistente alle mode e ai tempi la commedia, scritta nel 1949, mantiene la forza della brillantezza insieme alla psicologia raffinata e profonda dei personaggi. Tra uomini deboli, annoiati, Nina diventa il punto di riferimento. Diretta, chiara, spregiudicata, Nina è la donna che vince, decide, manovra, coinvolge e sconvolge i suoi maschi ambigui, sperduti, confusi. Trasforma quel triangolo in cerchio perfetto. Traccia i contorni di un territorio nel quale è regina, madre, moglie, amante ravvivando la vita di Adolfo e Gerardo, rendendola frizzante e nuova ogni giorno. Nina è la donna di oggi, tenera e pratica, colta e raffinata ma sempre determinata. Elegante ed essenziale Nina è da considerarsi un cult della commedia francese d’autore per un gioco teatrale leggero e raffinato. Lo spettacolo andrà in scena dal 27 novembre al 6 dicembre.

Si.Re.