Cinema mexico

Due le proposte che caratterizzano il cinema Mexico questo fine luglio

1)COLPA DI COMUNISMO, l’ultimo lavoro della raffinata autrice e regista Elisabetta Sgarbi, in esclusiva Documentario, Italia 2015 - 86’ 

Con Ana Turbatu, Elena Goran, Micaela Istrate, Marianna Satmari, Giovanni Satmari, Alin Satmari, Associazione badanti Nadija, Gabriele Levada, Giorgio Moretti 
Dal 13 luglio, tutti i giorni alle ore 16.00, 17.50, 19.40, 21.30 (giovedì escluso)

? C’è un senso di verità e di umanità che non è realismo né documentario. È un nuovo genere di cui Elisabetta Sgarbi è stata uno dei primi autori, forse la più radicale e coraggiosa, perché in lei manca del tutto il simbolo, la metafora, l’ideologia, la rappresentazione come fine. ?  
Furio Colombo - Il Fatto Quotidiano

Tre donne, badanti, rumene: Ana, Elena, Micaela. In Italia da diverso tempo, ma una sola, Micaela, ha un lavoro. Ana ed Elena lo hanno perso e, se non riusciranno a trovare un’occupazione, dovranno tornare in patria dalle famiglie che mantengono a distanza e non vedono da tempo. Micaela, la più giovane e scaltra, decide di aiutare le due amiche e inizia con loro un viaggio nella fitta rete di comunità rumene in Italia, alla ricerca di un possibile impiego. Per le tre donne sarà l’occasione di rompere le regole della vita quotidiana e saldare un rapporto di complicità e amicizia. Il viaggio è la scoperta di un mondo sfumato, imprendibile, sfaccettato, in parte segreto, in bilico tra amore e rigetto per una patria, una tradizione, un’ideologia politica che le ha allevate e il cui crollo le ha costrette alla fuga.

Presentato in anteprima al 33° TORINO FILM FESTIVAL nella sezione Torino 33 - Una produzione Betty Wrong e Rai Cinema. Soggetto e sceneggiatura di Eugenio Lio ed Elisabetta Sgarbi. Fotografia di Andrés Arce Maldonado ed Elio Bisignani. Montaggio di Andrés Arce Maldonado ed Elisabetta Sgarbi. Scenografia di Luca Volpatti. Musica di Franco Battiato.

«Colpa di comunismo è un passo ulteriore nel mio bisogno di raccontare, seguendole, le trame della vita, dei desideri, dei bisogni. Vite per lo più marginali: ma nei margini, spesso, si nascondono libertà impensate». Elisabetta Sgarbi

Se siete a Milano non mancate, amici. Vi aspetto!

2) da lunedì 18 luglio "A GRANDE RICHIESTA" per quattro lunedì viene ripropongo la serie di film dedicati alla bellissima e indimenticabile attrice Gene Tierney, protagonista di quattro capolavori che tornano sul grande schermo, restaurati in digitale grazie a Lab80 e riproposti IN VERSIONE ORIGINALE SOTTOTITOLATA IN ITALIANO.
Si comincia lunedì 18 luglio alle ore 21.30 con
Il cielo può attendere
- Heaven Can Wait -
di Ernst Lubitsch 
Usa 1943 - 112’ 
Con Gene Tierney, Don Ameche, Charles Coburn, Marjorie Main