Sabato in giallo a "Cassina Anna"

Adele Marini e Lucia Tilde Ingrosso per raccontarsi e parlare delle loro opere

Il 21 marzo, alle 15.30 prosegue a “Cassina Anna” la rassegna Sabato in giallo, dedicata agli appassionati del noir, che ormai hanno nella biblioteca il loro punto di ritrovo, dove possono intrattenersi con alcuni scrittori di questo genere. 
Si sono succeduti autori come Gianni Biondillo, Valerio Varesi e Marco Malvaldi. Da non dimenticare l’esordiente Deborah Brizzi. L’ex poliziotta, che ha lavorato per molti anni nelle squadre volanti della Questura di Milano, si è imposta recentemente all’attenzione del pubblico attraverso il thriller “Ancora notte”. Questa volta Adele Marini e Lucia Tilde Ingrosso parleranno delle loro opere, intervistandosi a vicenda. 
La giornalista Adele Marini, ha già pubblicato “Il consulente” - scritto a quattro mani con Alberto Sala, che ha avuto importanti incarichi nella Polizia di Stato - e “Milano solo andata”, col quale ha vinto il “Premio Azzeccagarbugli al romanzo poliziesco”. In biblioteca, la scrittrice proporrà, in particolare, “A Milano si muore così”, racconto di un’indagine condotta dal commissario Vincenzo Marino su “Nicu ‘U Buccèri”, killer professionista ritenuto vicino alla ’Ndrangheta.
Lucia Tilde Ingrosso è un’autrice versatile, giornalista di “Millionaire”: ha scritto manuali, guide, gialli, libri umoristici e un romanzo rosa. A “Cassina Anna” presenterà “I fantasmi non muoiono mai”. Sebastiano Rizzo, affascinante ispettore di polizia, indaga sulla morte della bella Valeria Aldobrandi, vittima in un incidente automobilistico sulla Costa Azzurra. Ma si è trattato solo di una disgrazia o è stato un omicidio? 
Grazie a queste trame coinvolgenti e all’intreccio di domande fra le due “gialliste”, l’incontro si preannuncia accattivante. Gli amanti del noir sono avvisati e non dovrebbero mancare all’appuntamento. 
Fabrizio Ternelli