Continue e nostalgiche aberrazioni di un ministro

 
"È gravissimo e inaccettabile che un Ministro della Repubblica italiana, nata dalla Resistenza, faccia suo lo stile propagandistico di
Mussolini, un criminale, guerrafondaio, massacratore della libertà e dei più deboli. Il sentiero su cui Matteo Salvini ha avviato il suo "operato" si scontra sempre di più col dettato di democrazia e civiltà della Costituzione. Si ponga fine immediatamente - mi appello ai silenti alleati di Governo del Ministro dell'Interno - a queste continue e nostalgiche aberrazioni".


Carla Nespolo
Presidente nazionale ANPI

ASSOCIAZIONE NAZIONALE PARTIGIANI D’ITALIA
COMITATO PROVINCIALE DI MILANO_