4 EPISODI DI CRIMINALITA’ PREDATORIA IN POCHE ORE AD OPERA DICLANDESTINI, CON PRECEDENTI PENALI.

Abbiamo ricevuto da Riccardo De Corato, capogruppo di FDI AN al Consiglio Regionale della Lombardia, il comunicato che segue e che in parte pubblichiamo.

Ancora una volta, la cronaca nera ha registrato nelle ultime 24 ore episodi di criminalità predatoria da parte di immigrati clandestini. In viale Tibaldi un marocchino 33enne, irregolare e senza fissa dimora, ha rapinato una donna moldava. Irregolare anche il 38enne egiziano che intorno alle 2.00 della scorsa notte, nel tentativo di rapinare un negozio, ha colpito un vigilante con una bottiglia e, all’arrivo dei carabinieri, ha opposto resistenza. Invece, il 18enne marocchino arrestato in piazzale Lugano mentre cercava di rubare un’auto, oltre a essere irregolare è risultato avere anche numerosi precedenti penali. Infine, in piazza Fontana è stato fermato un ragazzo egiziano che ha rubato un furgone e che, sprovvisto di documenti, si è dichiarato minorenne fino a quando esami più approfonditi non lo hanno smentito. Quattro episodi che vedono come protagonisti immigrati, né rifugiati né profughi, che risiedono in Italia irregolarmente. Persone che vivono per strada, realtà ben conosciuta dalla Stazione Centrale, e che non hanno alcun controllo. Milano è la città con il più alto numero di immigrati, pari a 476 mila migranti regolari e, secondo gli ultimi dati Caritas, 30mila clandestini, numero al quale va sommato quello crescente di rifugiati e profughi. L’aumento degli episodi di criminalità predatoria, causata dall’aumento quotidiano di migranti che hanno raggiunto oggi numeri così elevati, è la dimostrazione di quanto sia difficoltoso per le forze dell’ordine riuscire a gestirli e far fronte ad episodi come quelli che hanno segnato le ultime 24 ore.
Riccardo De Corato.