MILANO SLITTA AL 56° POSTO, NELLA PARTE BASSA DELLA CLASSIFICA

Da Riccardo De Corato, capogruppo di FDI AN in Regione Lombardia.

La classifica della qualità della vita in Italia stilata da Italia Oggi e Università la Sapienza vede Milano scendere nella classifica: dalla posizione 49 alla 56, in quella che i calciofili chiamerebbero 'la parte bassa della classifica'. Anche quest'anno l'indagine si snoda attraverso sei aree tematiche (Tenore di vita, Affari e lavoro, Servizi/Ambiente/Salute, Popolazione, Ordine pubblico, Tempo libero) per un totale di 36 indicatori con relative classifiche parziali, di tappa e finali. 
Responsabili  della maglia nera sono affari e lavoro, ambiente, disagio sociale e personale, servizi finanziari e scolastici, sistema salute, tempo libero: ed è qui che Milano perde colpi.  Avanti di questo passo, Milano scivolerà ben oltre l'Ogliastra, ossia la città posta appena dopo la nostra alla posizione numero 57.