La poesia della notte

Dal Volume “Qualcosa di inabitato” Edizioni EDB, Milano 2013
CARLA SARACINO

Forse hai rubato
un poco del mio tempo alla vita
perchè ne avessi cura.
Sei stato lì, hai temuto il peggio
hai tratto in salvo.
Sei stato il tempo delle forme brevi
che guadano il fiume
una volta per entrare dall'eterno.
Hai parlato con bocche di scorta
uguali per intenti
lontane dal mondo, per amore.
Mi hai vista nelle contrade assopite
nei giorni caldi del clima da fienile.
Io ero la bestia nella vita del cuore
e una specie di cielo altolocato
finito per sbaglio
nel secchio di un cortile.