PASQUA PER TUTTI...

Carlo Albertario da "T'el disi in milanes"

In un ambiente fatto in strano modo
persone diverse di tutte le religioni
s’incontrano e smettono di discutere.
C’è armonia e l’aria è sincera.

Bambini vestiti di bianco come bomboniere
si scambiano pezzettini di pane e preghiere,
bevono dell’acqua con tanta attenzione.
Diverse volte lo fanno con buona maniera.

Uova di Pasqua colorate fanno da cornice.
I loro genitori sono con i rami d’ulivo in mano.
Si guardano e si scambiano sorrisi...

I sogni vanno via di corsa come il vento
e quelli belli scompaiono con il risveglio.
Nel mio sogno forse ho visto la pace.

Pianello del Lario, 7 Agosto 2004

PASQUA PER TUCC...

Dent on ambient faa in strana manera
persònn divèrs de tutti i religion
s’incontren e lassen pèrd i discussion.
Gh’è armonia e l’aria l’è sincera.

Bagai vestii de bianch ‘me bombonera
se scambien tocchèi de pan e orazion,
beven de l’acqua con tanta attenzion.
Divèrsi vòlt el fann con bòna cera.

Oeuv de Pasqua coloraa fann de cornis.
Cont i ramm d’oliv in man hinn i sò gent.
Se varden e se scambien i sorris...

I sògn vann via de corsa compagn del vent
e quèi bèi sparissen cont el dissedass.
In del mè sògn fòrsi hoo veduu la pas.

Pianell del Lari, el 7 de Agost del 2004