Beppe Sala sindaco. E ora?

A poco più di 10 giorni dalla sua elezione, quali le proposte del neo Sindaco di Milano pronte a diventare progetti?

“Ogni giorno, un’idea”. Così recita il titolo del programma elettorale di Giuseppe Sala, detto Beppe. Volendo continuare il lavoro fatto per l’Expo, il Primo cittadino non ha mai nascosto la sua passione per Milano. Progresso e rilancio sono le parole d’ordine. Ma un tema caro a Beppe Sala è il marketing internazionale ma soprattutto la grande attenzione per le periferie. Come da annuncio, Sala ha dato inizio alla sua amministrazione dal Giambellino.
Si può dire del Sindaco di Milano un continuum della Giunta Pisapia per la sintonia in numerose posizioni, come in materia urbanistica. Per Sala è urgente ristrutturare i 9mila appartamenti pubblici inagibili: una misura però impossibile da affrontare senza l’aiuto del Governo nazionale. Ma si consideri anche il racket delle occupazioni abusive e del rischio illegalità che sta espandendosi nel dramma dell’elevatissima morosità (talvolta incolpevole) delle famiglie indigenti. Nella vicenda del San Vittore, Sala si è detto contrario alla proposta del Governo, poi condivisa da Parisi, di vendere e trasferire il carcere, pensando piuttosto a una ristrutturazione.
Già da aprile 2016, molti dei punti in programma del candidato del centrosinistra apparivano chiari e non sempre in opposizione con lo sfidante. Sul tema della sicurezza, infatti, l’ex Commissario di Expo aveva scelto di convergere sull’idea più volte rilanciata dal centrodestra di un sistema di videosorveglianza più efficace, in grado di servirsi anche di droni, e poi l’utilizzo di un maggior numero di vigili e di militari, sino all’eventuale istituzione del “vigile di quartiere”.
Quanto al fisco, Beppe Sala aveva avanzato la proposta della riduzione dell’addizionale Irpef attraverso l’aumento della soglia di esenzione da 21mila a 28mila euro di reddito lordo. Per gli anziani ha annunciato nuovi centri di aggregazione. Avrò l’ossessione, sapendo che non ci riuscirò mai fino alla fine, di non lasciare nessun anziano da solo - aveva dichiarato Beppe Sala ancora candidato sindaco in un’intervista al Corriere della Sera.
Davide Lorenzano