Municipio 4

Incarichi e responsabilità

Con le elezioni di giugno il nuovo presidente, Paolo Bassi - Lega Nord, si è insediato nel suo incarico e ha provveduto a nominare gli assessori che con lui compongono la Giunta. Con la trasformazione delle Zone in Municipi gli assessori sono tre: Laura Schiaffino, Forza Italia, che ha le deleghe a Gestione e manutenzione del patrimonio, Servizi educativi, Servizi alla persona e Bilancio, Pietro Celestino, Forza Italia, con deleghe a Viabilità locale, Attività commerciali e artigianali, Edilizia di interesse municipale e Servizi sportivi e, come vuole il nuovo regolamento, un terzo assessore, non eletto in Consiglio, Carmine Abagnale di Forza Italia, con deleghe a Sicurezza, Protezione civile, Verde e Arredo urbano. Gli assessori, definisce il nuovo regolamento, svolgono unicamente un ruolo di indirizzo, vigilanza e controllo politico amministrativo. La Giunta del Municipio collabora con il Sindaco nell'amministrazione del Comune e nell'attuazione degli indirizzi generali e politico – amministrativi del Consiglio, nei confronti del quale svolge attività propositiva e di impulso. ...non rientrando tra le sue competenze la funzione gestionale (salvo casi eccezionali di delega effettuata dal Sindaco nell'ambito delle sue competenze). Le sedute del Consiglio di municipio non saranno presiedute dal Presidente, come il vecchio Consiglio di zona, ma dalla nuova figura del presidente del Consiglio di municipio, Oscar Strano della Lista civica Parisi.
Sono state isituite sei Commissioni: Cultura, presieduta dalla consiliera Adotnella Milici, Forza Italia;  Educazione sport e tempo libero, presidente Giancarlo Mariani, Lega Nord; Territorio mobilità e ambiente, presidente, Alfonso Di Matteo, Forza Italia; Sicurezza  Verde e parchi, presidente, Francesco Rocca, Fratelli d'Italia; Politiche sociali, presidente, Massimo Casiraghi, Milano Popolare; Commercio e attività produttive, presidente, Francesca Testa, Lega Nord.
L'organizzazione delle nuove attività è in divenire, infatti competenze e responsabilità sono cambiate, rispetto al Consiglio di zona. A testimoniarlo sono le presenze nelle commissioni: le associazioni non vi andranno più a proporre le loro iniziative nei quartieri, bensì dovranno candidarsi attraverso bandi specifici, che il Municipio andrà a proporre. Il rodaggio è iniziato e vedremo di verificare come funzionerà la nuova struttura nei prossimi mesi.
Lucio Oldani