LA CAPPELLETTA

Carlo Albertario da "T'el disi in milanes"

Passo dopo passo su per la strada stretta
con sveltezza si arrampica e non si guarda attorno,
ma il viandante che cammina con energia
si accorge di una vecchia cappelletta.

Con devozione la guarda, poi si siede,
si toglie il cappello e recita l’Ave Maria.
Il pensiero è lì e non vuole andare via.
Sbiadita è ormai la statuetta.

Da tanti anni è lì la Madonnina.
Quanta gente nei secoli è venuta:
un’orazione e forse un pianto.

È successo di sera e di mattina
per ricevere quella grazia richiesta,
inviata verso il cielo per essere ascoltata.

Pianello del Lario, 30 Settembre 2006

LA CAPPELLÈTTA

Pass dòpo pass su per la strada strètta
con sveltèzza el rampega  e ‘l tira via,
ma ‘l viandant ch’el cammina cont energia
el s’incòrg d’ona vèggia cappellètta.

Con devozion la varda, poeu ‘l se sètta,
el cava ‘l cappèl e ‘l dis l’Ave Maria.
El penser l’ è lì e ‘l voeur minga ‘ndà via.
Sbiavida l’è ormai la statoètta.

De tanti ann l’è lì la Madonina.
Quanta gent in di secol l’è vegnuda:
on’orazion e fòrsi ‘na piangiuda.

L’è succèss de sera e de mattina
per ricev quèlla grazia domandada,
inviada vèrs el ciel per vèss scoltada.

Pianell del Lari, el 30 de Settember del 2006