MATTINA DI NATALE

Carlo Albertario da "T'el disi in milanes"

Piange dietro al papà che se n’è andato
e di premura gli ha lasciato un regalo.
È la mattina del giorno di Natale...
Quel pacco è grande, ma è forse una bugia.

È l’amore del suo papà che lui vorrebbe.
La sua mamma si mette a consolarlo,
ma le lacrime sul faccino gli fanno un gran male.
È piccolino, ma sente l’ipocrisia.

Quel padre ha adesso un’altra famiglia,
gli altri suoi figli sono colmi di nuovi balocchi.
Per la festa loro hanno padre e madre.

Nell’altra casa sono lì da soli.
Il bimbo si mette a disfare il pacco:
guarda dentro, ma non trova l’amore.

Milano, 22 Dicembre 2005


MATTINA DE NATAL

El piang ‘dree al papà che l’è andaa via
e de prèssa el gh’ ha lassaa on regal.
L’è la mattina del dì de Natal...
Quèll pacch l’è grand, ma l’è fòrsi ‘na bosia.

L’è l’amor del sò papà ch’el voraria.
La soa mama la se mètt a consolall,
ma i lacrim sul faccin ghe fann gran mal.
L’è piscinin, ma el sent l’ipocrisia.

Altra famiglia adèss el gh’ ha quèll pader,
i alter sò fioeu hinn pien de noeuv bellee.
Per la fèsta lor gh’ hann pader e mader.

In de l’altra cà hinn lì indeperlor.
El fiolin a desfà el pacch l’è adree:
el varda dent, ma el troeuva nò l’amor.

Milan, el 22 de Dicember del 2005