Giornata “grassa” per le milanesi

Finalmente i tifosi di Milan e Inter possono tirare un sospiro di sollievo: il Milan vince in casa contro il Cesena, esprimendo anche un buon gioco; l'Inter centra la terza vittoria consecutiva nel posticipo di lunedì a Cagliari.

Gli uomini di Inzaghi sono scesi in campo alle 15 di domenica per la 24^ giornata di Serie A, ospitando il Cesena. I padroni di casa partono bene, cercando di passare subito in vantaggio, al secondo minuto, con un gol giustamente annullato a Poli; 20 minuti più tardi, però, arriva la rete di Giacomo Bonaventura, su assist di Menez; il tiro dell'ex atalantino si insacca nell'angolino basso alla destra del portiere. Nel recupero del primo tempo il Cesena va vicino al pareggio con De Feudis ma un ottimo Abbiati gli nega la gioia del gol. Nel secondo tempo i rossoneri partono molto bene, sfiorano il raddoppio ancora con Bonaventura, che però colpisce il palo. Nel finale viene concesso un rigore ai padroni di casa per un atterramento in area: lo batte Giampaolo Pazzini, entrato a metà ripresa al posto di Destro. Il “Pazzo” torna al gol e mette fine al match. Le polemiche a fine gara non mancano: Cerci e Pazzini, essendo in buone condizioni fisiche, vorrebbero più spazio, ma Pippo Inzaghi gli concede sempre l'ultima frazione di gara, staremo a vedere come si comporterà il mister con loro nella prossima partita di campionato.
L'Inter trova la terza vittoria consecutiva sul difficile campo del Cagliari di Gianfranco Zola. Mancini schiera Kovacic dal primo minuto dopo le tante polemiche per averlo lasciato in panchina in Europa League e nello scorso match di campionato a Bergamo. I nerazzurri collezionano tre occasioni da gol in 5 minuti, dal 25° al 30°: Podolski manda alto un colpo di testa da buona posizione su cross di Davide Santon, Brkic si supera poi sulle conclusioni di Brozovic e Icardi. Il Cagliari nel primo tempo ha pensato più a difendersi che a ripartire in contropiede. La seconda frazione di gara si apre con il vantaggio degli uomini di Mancini: Kovacic, dopo vari rimpalli, si trova il pallone al limite dell'area e lo piazza, con un tiro di sinistro, nell'angolo alto alla destra del portiere. Dopo appena tre minuti il Cagliari sfiora il pareggio con Donsah che lascia partire un buon tiro dalla distanza, respinto da Carrizo. I sardi collezionano altre occasioni da gol con Cossu, M'poku, il migliore dei suoi, e Longo, ma solo un buon Carrizo riesce a congelare il vantaggio nerazzurro. Dopo il buon momento dei padroni di casa, gli ospiti chiudono il match: Medel pesca Icardi in area che, dopo aver scartato un difensore, piazza la palla alla destra del portiere. Pochi minuti dopo però si potrebbe riaprire la gara: Samuele Longo, ex dell'Inter, calcia dal limite dell'area colpendo il palo, ma il pallone va a sbattere sulla schiena del portiere nerazzurro e finisce in rete; il rocambolesco autogol di Carrizo mette paura ai tifosi interisti che sembrano ammutoliti quando la palla è entrata in rete. Fortunatamente per gli ospiti non cambia il risultato, la partita finisce 1-2 e nel finale Hernanes ha sfiorato il tris con un destro da 20 metri che si è stampato sulla traversa.
Ora Le due milanesi sono separate da due punti: l'Inter è a 35 punti, mentre il Milan a 33, rispettivamente a – 4 e – 6 dall'Europa. 
Nella prossima gara il Milan giocherà contro il Chievo a Verona, mentre l'Inter ospiterà la Fiorentina di Vincenzo Montella.
Fabio Amoruso