Napoli e Roma frenano. Viola a forza 4. Il derby della Mole alla Juve.

L'11^ giornata di serie A ci ha dimostrato ancora una volta che in questa stagione non ci sono favorite al titolo finale e che dunque tutti i club più attrezzati se la possono giocare alla pari fino alla fine.

Il turno è partito alla grande col derby della Mole Juventus-Torino: i bianconeri si sono aggiudicati il match per 2-1, sapendo soffrire e colpendo nel momento migliore degli avversari; sono andati in gol Pogba, con un super gol, e Cuadrado al 94°; a intervallare le reti della Juventus c'è stato il bel gol di Bovo, con un gran sinistro da fuori area. 
Nel secondo anticipo l'Inter ha battuto la Roma grazie al gol di Medel, superando proprio i giallorossi in classifica e piazzandosi al primo posto, condiviso con la Fiorentina che nel match delle 12,30 della domenica ha battuto il Frosinone per 4-1 grazie ai gol, tutti nel primo tempo, di Rebic, Rodriguez, Babacar e Mario Suarez; inutile il gol di Frara nel finale. 
Vittoria all'esordio per Roberto Donadoni sulla panchina del Bologna, che batte con un secco 3-0 l'Atalanta al Dall'Ara grazie alle reti di Giaccherini, Destro, che finalmente si è sbloccato dopo 10 turni d'astinenza, e Brienza che ha dimostrato di avere ancora il suo mancino ben affilato, potente e preciso. 
Nei match delle 15, oltre alla vittoria del Bologna, ci sono stati tre pareggi senza reti: Udinese-Sassuolo; Carpi-Verona e Genoa-Napoli, con i partenopei che, nonostante la bella prova, non sono riusciti a violare la porta di Perin, mancando l'aggancio in vetta alle due capoliste.
Quindi la classifica ora parla chiaro: Fiorentina e Inter 24, Roma, Napoli 22 e Milan e la sorpresa Sassuolo 19, e così via fino alla zona retrocessione che vede Frosinone 10, Bologna 9 e Carpi e Verona 6 punti; la Juventus per ora è staccata dalle zone nobili, avendo 15 punti. 
In attesa dei due posticipi del lunedì Chievo-Sampdoria e Palermo-Empoli, per il dodicesimo turno della serie A consigliamo maggiore attenzione per i seguenti match: Torino-Inter, Sampdoria-Fiorentina e naturalmente il derby Roma-Lazio.
Fabio Amoruso