Riparte la Serie A

Si torna al classico appuntamento col campionato nostrano di massima categoria, dopo la sosta per i match della Nazionale (l'amichevole con la Francia e la partita di qualificazione per i Mondiali 2018 contro Israele)

Oggi alle 18 scenderà in campo la Juventus, che ospiterà il Sassuolo, demoralizzato per la sconfitta per 0-3 a tavolino contro il neo-promosso Pescara, a causa dello schieramento in campo di Antonino Ragusa, ultimo rinforzo del calciomercato estivo, non regolarmente inserito nella lista dei 23 di due settimane fa in occasione del suddetto match. Allegri, probabilmente, farà a meno di Daniel Alves per dare spazio a uno scontento Lichtsteiner, mentre Di Francesco dovrà fare a meno di Defrel e di Domenico Berardi, trascinatore nel campionato e in Europa League dei neroverdi.
Alle 21 l'altro anticipo: Palermo-Napoli. I padroni di casa, dopo il burrascoso addio del tecnico Davide Ballardini, che ha dato a inizio settimana le dimissioni, hanno accolto il neo-allenatore De Zerbi, ex calciatore del Napoli, alla prima esperienza in Serie A. L'ex allenatore del Foggia avrà come secondo alla guida dei rosanero l'ex bandiera del Brescia Davide Possanzini. Per quanto riguarda il match, l'unica novità potrebbe essere la scelta di mandare in panchina Lorenzo Insigne da parte di Sarri, che attualmente gli preferisce Mertens.
Alle 12,30 di domani scenderà in campo il Bologna che ospiterà il buon Cagliari di questo inizio di stagione guidato dall'eterno omber Marco Borriello, che lancia la sfida a Mattia Destro, punta degli emiliani.
Ecco le partite delle 15: Atalanta-Torino; Chievo-Lazio; Genoa-Fiorentina; Milan-Udinese; Roma-Sampdoria. Alle 20,45 Pescara-Inter. 
Lunedì invece si sfideranno alle 20,45 Empoli e Crotone.   
Che questa 3^ giornata di campionato porti tanto spettacolo e naturalmente tanti gol. 
Cosa ci aspettiamo: il ritorno alla vittoria di Roma e Inter dopo i deludenti pareggi rispettivamente con Cagliari e Palermo; la prima vittoria dell'Atalanta; il primo punto in Serie A nella storia del Crotone e naturalmente la reazione psicologica del Sassuolo dopo la sconfitta a tavolino, ma ovviamente non sarà facile allo Stadium.
Fabio Amoruso