Week end emozionante

Tante emozioni in questo fine settimana di Serie A (15^ giornata) tra sorprese e conferme.

La giornata si è aperta venerdì con la quinta vittoria di fila della Juventus che è riuscita a espugnare l'Olimpico di Roma rifilando 2 reti alla Lazio (autogol di Gentiletti e gol spettacolare di Dybala). 
Primo anticipo del sabato giocato in un orario insolito, alle ore 15; in campo sono scesi Torino e Roma: la partita è finita 1-1 grazie ai gol, segnati entrambi nel finale, di Pjanic (83°) e Maxi Lopez (94° su rigore dubbio). 
Alle 20,45 l'Inter è scesa in campo al Meazza contro il Genoa: i padroni di casa reagiscono bene alla sconfitta di Napoli, anche se giocano il solito calcio conservativo. La prima occasione arriva al minuto 44 con un tiro di Ljajic. I nerazzurri passano in vantaggio nella ripresa, al minuto 59, grazie alla punizione del solito Ljajic, diventato davvero un tassello importante negli schemi "manciniani". La partita termina con il solito 1-0, diventato il marchio di fabbrica di questa Inter. 
Il lunch match della domenica ci regala una grande sorpresa: il Napoli viene sconfitto 3-2 in trasferta, dal Bologna. I padroni di casa si portano sul 3-0 grazie ai gol di Destro (doppietta) e Rossettini. Gli uomini di Sarri si svegliano solo nel finale e riescono a segnare solamente 2 reti all'87° e al 90°, siglate dal solito Higuain.
Ecco i risultati dei match delle 15: l'Empoli vince a Verona, rovinando la festa d'esordio sulla panchina veneta a Gigi Del Neri; un gol di Costa nella ripresa regala i 3 punti ai toscani, mentre il Verona è sempre più ultimo; il Chievo vince in casa del Frosinone grazie alle reti di Paloschi, al 90°, e Meggiorini, al 93°, minuto in cui viene espulso Simone Pepe; la Fiorentina batte 3-0 l'Udinese al Franchi, sono andati a segno Badej, Ilicic e Gonzalo Rodriguez; l'Atalanta batte 3-0 il Palermo (18° Denis; 26° Cherubin; 80° De Roon).
Alle 18 il Sassuolo scende in campo al Marassi, contro la Sampdoria: Montella non riesce a trovare nemmeno stavolta la sua prima vittoria alla guida dei blucerchiati, sconfitti per 1-3 (gol di Acerbi, Floccari e Pellegrini nel primo tempo; Zukanovic al 90° segna il gol della bandiera per i padroni di casa). 
La giornata è chiusa dal posticipo delle 20,45 tra Carpi e Milan. Il match termina 0-0 con i rossoneri che collezionano una sola occasione in 90 minuti, nel finale con Kucka, ma tutto sommato il pareggio è un risultato giusto visto il gioco passivo espresso dalle due squadre.
La classifica ora vede l'Inter a 33, seguita dalla Fiorentina a 32 e dal Napoli, che perde il primato con la sconfitta di Bologna, fermo a 31 punti, poi Roma a 28 e Juventus a 27; il Milan si trova a metà classifica a quota 24 punti, distante dall'obiettivo Champions dichiarato a inizio stagione dalla società. In zona retrocessione il Bologna acciuffa Samp e Genoa a 16 punti, mentre il Palermo è a 15 punti, preceduto da Frosinone a 14, Carpi a 10 e Verona a 6. 
Per il prossimo turno consigliamo i seguenti scontri: Napoli-Roma, Juventus-Fiorentina e Lazio-Sampdoria. 
Fabio Amoruso