BOOKCITY MILANO 2018

Dal 15 al 18 novembre torna in città la festa partecipata dei libri e dei lettori

“Che Milano abbia anche il tempo di leggere – dice il Sindaco di Milano Beppe Sala – in pochi riescono a crederlo. Sempre così impegnata, in movimento, immersa nel fare quotidiano. In realtà non è così. I milanesi amano leggere, sfogliare le pagine di un libro o farne scorrere la versione in digitale. Leggono nelle biblioteche civiche, al parco, sui mezzi pubblici, nelle librerie che hanno spazi dedicati. Ovviamente a casa loro. Un amore solido che negli anni ha fatto di Milano la capitale dell’editoria mettendo insieme la passione per la lettura con la capacità di fare impresa, anche nel campo della cultura”.
Un amore che Bookcity negli anni ha mostrato chiaramente, e che verosimilmente farà la sua comparsa anche nella prossima imminente edizione: dal 15 al 18 novembre torna in città, per la settima edizione, la manifestazione dedicata al libro e alla lettura, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall'Associazione BOOKCITY MILANO, fondata da Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri. Quattro giorni, oltre 1300 eventi, una vera e propria festa per tutta la città.
L’inaugurazione è prevista per giovedì 15 novembre, alle ore 20.30, al Teatro Dal Verme: Jonathan Coe intervistato da Barbara Stefanelli, racconterà l’ultimo decennio del Regno Unito, sospeso tra rabbia e delusione, confusione e nostalgia e riceverà il Sigillo della città da Giuseppe Sala.
A seguire, un palinsesto nutritissimo, che coinvolgerà più di 400 volontari. Impossibile illustrarlo nel dettaglio, ma doveroso fare qualche cenno ai numerosi progetti speciali previsti per questa edizione di BookCity. Alcuni sono appuntamenti ormai abituali, come la diretta dagli studi di corso Sempione per Radio Tre RAI con Elio De Capitani, la Festa de ''La Lettura'' alla Fondazione Corriere della Sera e la mostra “La Lettura 360”, le prime 360 copertine del supplemento culturale del Corriere della Sera, ospitata alla Triennale (inaugurazione 16 novembre). Tornano anche BookCity nelle Case e diverse passeggiate letterarie, che quest'anno esplorano anche il Cimitero Monumentale, animate dai lettori volontari del Patto di Milano per la Lettura e dal Curatore scientifico del Cimitero Monumentale, in collaborazione con l’Assessorato ai Servizi Civili del Comune di Milano.
Ma ci sono anche diverse novità che si basano sul diretto coinvolgimento dei cittadini. Alle ore 12 di sabato 17 novembre Milano legge Milano vedrà gruppi di cittadini che raccontano i luoghi letterari della città attraverso una serie di letture, da Bonvesin de la Riva al noir contemporaneo passando per i classici, utilizzando la mappa in crowdsourcing di Quartopaesaggio. Il 18 novembre una giornata di poesia a BookCity: quattro incontri dall'alba al tramonto con poeti famosi e poeti sconosciuti in luoghi emblematici di Milano. Protagonista è la poesia, quella ''laureata'' ma anche quella di dieci poeti ''sommersi'' selezionati per l'occasione dal concorso Poetry and the city.
Sono confermati anche i progetti speciale delle passate edizioni, BOOKCITY YOUNG, con un calendario di attività fatto di incontri con gli autori, laboratori, letture ad alta voce, sperimentazioni musicali e giochi, pensati per coinvolgere i bambini e i ragazzi; BOOKCITY UNIVERSITÀ, che coinvolge sette Università, sei Accademie, due reti interuniversitarie, un campus interuniversitario insieme per offrire un palinsesto a più voci che legge passato e presente attraverso molteplici linguaggi; BOOKCITY PER LE SCUOLE, con progetti e attività di promozione della lettura e dei mestieri del libro, mettendo in comunicazione due mondi – scuola e editoria – che, in maniera diversa ma con lo stesso obiettivo, contribuiscono a rendere i ragazzi cittadini più consapevoli; BOOKCITY PER IL SOCIALE, con una proposta di incontri, eventi e spettacoli negli ospedali milanesi, nelle carceri di Bollate, Opera, San Vittore e Beccaria, nelle Case delle Associazioni e del Volontariato, nelle biblioteche comunali e condominiali, nella Casa di Accoglienza Enzo Jannacci e nelle sedi di BookCity.
La manifestazione si chiuderà domenica 18 novembre, alle ore 20.30, al Teatro Franco Parenti con Beppe Severgnini. Un viaggio ironico e sentimentale nel giornalismo: dalla scuola di Montanelli al Corriere della Sera, dal primo articolo per La Provincia di Cremona al New York Times, dai libri alla televisione, da twitter al teatro (entrambi utili, il secondo più imprevedibile). Cosa s’impara insegnando?, si chiede il direttore di 7. Un’autobiografia didattica, un viaggio nel cambiamento: personale, professionale, nazionale. Perché, qualunque cosa facciamo, non c’è dubbio: italiani si rimane.

Il programma è scaricabile dal sito www.bookcitymilano.it
#BCM18
Facebook: BookCity Milano
Twitter: @BOOKCITYMILANO
Instagram: @bookcitymilano