375MILA EURO PER FINANZIARE PROGETTI DI COESIONE SOCIALE

Il Comune investirà nel 2018 375mila euro per finanziare progetti di coesione sociale nei quartieri della città. La Giunta di Palazzo Marino ha infatti approvato le linee guida per l’erogazione di contributi a favore di realtà del Terzo Settore che siano presenti sul territorio per realizzare questo tipo di iniziative.
Per farlo, l’Amministrazione lancerà un bando pubblico a cui potranno partecipare, singolarmente o in partenariato, tutti i soggetti che svolgano da non meno di 12 mesi attività nel contesto cittadino e nell’ambito della coesione sociale.
I fondi saranno spalmati su due diverse aree di intervento, riguardanti il coinvolgimento e l’integrazione di tutti i cittadini, soprattutto quelli più fragili, nella rete sociale del territorio: 
• 225mila euro - per un massimo di 15mila euro a progetto - saranno destinati a iniziative che riguardano la socialità nei quartieri, lo sviluppo di reti attraverso momenti di incontro e aggregazione, interventi di mediazione culturale e sociale, cura degli spazi condivisi, ascolto e orientamento;
 • 150.000 euro - per un massimo di 50mila euro per ogni progetto - andranno per la valorizzazione dei servizi e delle iniziative sociali che già sono presenti nelle diverse zone della città: azioni per coinvolgere famiglie, disabili, anziani nella vita del quartiere, interventi antidegrado o di recupero di luoghi abbandonati, momenti di educazione civica.
Le proposte presentate verranno valutate da un’apposita commissione tecnica che assegnerà a ciascuna  un punteggio, fino a un massimo di 100 punti, sulla base della qualità delle azioni progettuali, della coerenza del piano economico, dell’esperienza maturata nella gestione di attività analoghe a quelle per cui si chiede il contributo, delle risorse umane impiegate nel progetto, della continuità di presenza di operatori già operanti sul territorio, della capacità di sviluppare partenariati  tra soggetti del terzo settore e soggetti pubblici e privati e della possibilità di sviluppo del progetto.
Saranno ammessi alla graduatoria finale i progetti che otterranno un punteggio di almeno 50 punti che avranno un contributo - liquidato dall’Amministrazione in un’unica tranche - fino al 90% del valore di ciascuna iniziativa, sulla base della posizione in graduatoria. 
Il Comune prosegue così nel solco delle azioni attuate negli scorsi anni e che si focalizzano sui quartieri della città. Ne è un esempio il “Bando alle Periferie”, lanciato nel 2017 e rifinanziato nel 2018, che ha riscosso grande successo e partecipazione.
La coesione sociale, in particolare, è un tema caro all’Amministrazione che, a partire dal 2012, ha investito risorse realizzando complessivamente 12 progetti pluriennali che hanno coinvolto oltre 5mila persone.

“Rafforzare i legami tra i cittadini e il territorio, animare i quartieri e sviluppare reti sociali: non sono solo obiettivi che l’Amministrazione si pone - ha dichiarato l’assessore alle Politiche Sociali, Salute e Diritti Pierfrancesco Majorino - ma azioni concrete che ci proponiamo di promuovere e di finanziare, sempre seguendo il principio della collaborazione tra pubblico e privato che a Milano si è dimostrata così proficua e su cui vogliamo investire”.