Non più Guerra

Autunno 1943 – Bombe su Caserta e Carinola di Umberto Di Donato

Un viaggio appassionato e appassionante che ripercorre, attraverso ricordi e memorie, spaccati di vita e di storia della città di Caserta, come il bombardamento del 27 agosto del ’43, che distrusse un intera zona della città, lasciando morte e rovine. Con questo libro, pubblicato dalla EDB Edizioni – Milano, vuole trasmettere ai giovani i ricordi di un ragazzo di otto anni, che nel lontano 1943, ebbe la sventura di vivere eventi tragici, mai cancellati dalla memoria. Ma tra le pagine del testo prende forma anche un susseguirsi di avvenimenti, di fresche descrizioni degli usi e costumi della vita di allora, con immagini e rievocazioni che incantano il lettore.
Umberto Di Donato, nato 83 anni fa in Campania, è vissuto a Caserta fino al 1955. In quell’anno si è trasferito al nord, prima a Novara e poi dal 1958 a Milano. È qui che ha trovato la sua patria e ha lavorato intensamente, oltre a stabilirvi le sue lunghe radici familiari costituite da tre figli e sette nipoti. Afferma che non lascerebbe mai Milano per nessun’altra residenza, perché questa città accogliente e attiva, dal 1958 lo ha ospitato “con il cuore in mano e le braccia aperte” e gli ha dato la possibilità di esprimere le sue capacità, attraverso il suo costante e lungo impegno lavorativo e professionale.
Umberto, tuttavia, sensibile e affettuoso non ha mai dimenticato la sua città d’origine, rendendola protagonista di altri suoi scritti, tra i quali: “Il Tasto Magico”, “L’Asina di zio Pasquale”, “La Penna, il Tasto e il Mouse” sempre pubblicate dalla EDB Edizioni. Uomo eclettico e superattivo ha coltivato anche altre attività artistiche, ma la sua vera grande passione è scaturita da un senso di riconoscenza nei confronti degli strumenti che lo hanno agevolato nel suo lungo percorso lavorativo, le macchine da scrivere e i calcolatori meccanici. Ha fondato 13 anni fa nel “Municipio 9”, in via Menabrea 10, “Il Museo della Macchina da Scrivere”, che conduce personalmente, con il “patrocinio” del Comune. Il Museo è aperto il martedì, il venerdì e il sabato, dalle ore 15 alle 19, con INGRESSO LIBERO. Per gruppi è possibile concordare giorni e orari diversi al cell. 3478845560.