SERATA DOPPIO SPETTACOLO: "PROGETTO: IL RESPIRO" - "L'ULTIMO BOHÉMIEN E LA LUMACA"

Dal 5 all'8 aprile si terrà la Serata Doppio Spettacolo presso il Teatro della Contraddizione in via Della Braida 6 , dove si alterneranno sul palco Luigi Guaineri con "Progetto: Il Respiro" e la compagnia VuotoPerPieno con "L'ultimo Bohémien e la lumaca"

Progetto: Il respiro

Libero adattamento da Thomas Bernhard, di e diretto da Luigi Guaineri, con Luigi Guaineri, Lorenzo Gaipa, Micol Vona

A causa di una malattia polmonare esplosa improvvisamente, il diciottenne Thomas Bernhard viene ricoverato in ospedale, ormai in fin di vita. A 47 anni, torna su quell'esperienza.
Squarci di una umanità che ci riguarda, e che si muove sempre in equilibrio su un baratro, consapevole o meno che sia della propria condizione. Nel suo modo di scrivere s'intuisce la predisposizione del funambolo che si muove al livello del suolo e il cui filo è l'esasperante fragilità dell'esistenza stessa. Tutto resta allo stato di frammento. Percezioni, ricordi, gli esseri umani stessi non sono altro che dei frammenti di qualcosa d'altro. Ricostruire un tutto è impossibile. Ma ostinatamente Bernhard cerca di ricomporlo. Sa che è destinato allo scacco, tuttavia né può né vuole sottrarsi a questo tentativo, forse il solo modo per essere liberi.

VuotoPerPieno - L'ultimo Bohémien e la Lumaca

coreografia e regia Fabrizio Calanna – con Lara Viscuso, Chiara Verzola, Fabrizio Calanna, scenografia Claudio Moretti, musiche Erik Satié. Accompagnato da due entità, la Lumaca e la Fata Verde, il Bohémien attende che il giorno faccia la sua comparsa, che la vita vada avanti, che il destino faccia il suo corso, nulla lo può impedire se non la fantasia. È arrivata forse l'ora della morte? Una nuova esistenza? O è forse il momento di riuscire a governare musica e musicisti, critici e criticati.Governare ciò che gli umani chiamano Vita.

Lo spettacolo vuole essere un elogio alla lentezza e all'attesa elaborando un mondo che sfugge dalla volontà sociale di produrre necessariamente qualcosa di artistico/commerciale. Un Mondo, quello di Erik Satié: sommerso, assurdo, profondo e pieno di vuoti… irriverente, iconoclasta. Alla base il rifiuto di una vita sociale e razionale, l'unica possibilità è rifugiarsi dentro la propria stanza, per Satié “L'Armadio”.

Teatro della Contraddizione - Via Della Braida 6 - MM3 PORTA ROMANA alle ore 20:30 dal 5 all’8 aprile

Info e prenotazioni: Tel. +39 02 5462155, prenotazioni@teatrodellacontraddizione.it
Ingresso: singolo spettacolo: Intero €15 - Ridotto €12 - 2 spettacoli: Intero 15€ +5€ - Ridotto 12€ +5€

Giovedì 5 Il respiro 20:30 - L’ultimo Bohémien e la lumaca 22:15
Venerdì 6 L’ultimo Bohémien e la lumaca 20:30 - Il respiro 22:15
Sabato 7 Il respiro 20:30 - L’ultimo Bohémien e la lumaca 22:15
Domenica 8 L’ultimo Bohémien e la lumaca 20:30 - Il respiro 22:15