WONDERGIUSY: VOLARE IN ALTO, PENSARE IN GRANDE E GUARDARE LONTANO

Fondazione Stelline, in Corso Magenta, lunedì 18 febbraio presentazione dell’ultimo libro dell’atleta paralimpica e oggi deputata Giusy Versace, dal titolo “WonderGiusy”, con la partecipazione di Daniela Mainini, presidente del Centro Studi Grande Milano e Roberta Guaineri, assessore a turismo, sport e qualità della vita del Comune di Milano.

Il libro è un racconto illustrato per bambini ma parla anche agli adulti offrendo messaggi positivi di accettazione delle sfide e della disabilità. La supereroina WonderGiusy è sempre pronta a salvare chi si trova in difficoltà, con il suo superudito capta le richieste di aiuto, sceglie quali gambe indossare fra quelle da ballo, da corsa, da nuoto e vola in missione sulla città. Un giorno sente la voce di un ragazzo, Chris, che vive costretto sulla sedia a rotelle, dopo un incidente, ed è convinto che non riuscirà a correre e a giocare a basket con gli amici. Così WonderGiusy sfida il malvagio Hater, disabile a sua volta ma che “scoraggia ogni coraggio” e con l’arma del “sorriso” porta Chris in un viaggio alla scoperta dei propri superpoteri, vale a dire superare i propri limiti, trasformare dolore e rabbia in speranza e voglia di vivere.

La Versace pone l’accento sulla necessità di leggere e approfondire per far crescere la cultura, di tirar fuori il bello, di respingere le cose negative che ci inquinano. Ha preso come esempio quello che Regione Lombardia fa da tre anni per la disabilità quello di aver creato un protocollo e bandi per rafforzare l’uso di ausili di alta tecnologia che consentano alle persone disabili di fare sport. Lo sport crea sana competizione, quell’ambizione di raggiungere i traguardi, di poter superare i propri limiti, di cadere e rialzarsi. L’associazione da lei fondata Disabily No Limits onlus ha come missione quella di favorire la pratica sportiva e fornire le protesi ad hoc ai ragazzi con disabilità.

 Le fa eco l’assessore Guaineri che illustra la costituzione di un tavolo in cui insieme alla parlamentare Lisa Noia, delegata dal Sindaco per l’accessibilità universale di tutti gli edifici, abbiano guardato agli impianti sportivi non solo dal punto di vista della regolarità normativa ma dal punto di vista della funzionalità per tutti. Creando corridoi colorati per ipovedenti che riescono meglio ad orientarsi, appendini a doppia altezza per disabili ma anche per bambini. L’amministrazione comunale è sensibile a queste questioni e anche in vista delle Olimpiadi del 2026 ha aperto un dossier sulle paralimpiadi.

Il segreto, caro Hater, è che non c’è un segreto – conclude il libro WonderGiusy – perché ognuno ha il suo modo di sorvolare il mondo e questo si chiama superpotere, cercarlo è la missione dei più coraggiosi, trovarla quella dei supereroi”.

GIUSI DE ROMA