CANDIDATURA DI MILANO SOLIDA RISPETTO A TUTTE LE INDICAZIONI DEL C.O.N.I.

Nel pomeriggio del 16 luglio 2018 presso la sede del C.O.N.I. a Roma Roberta Guaineri, assessore al Turismo, Sporte Qualità della vita del Comune di Milano, e Antonio Rossi, sottosegretario con delega ai grandi eventi sportivi di Regione Lombardia, hanno presentato la candidatura di Milano a ospitare i Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali del 2026. 

Alla luce dei 13 punti indicati dal C.O.N.I., la delegazione milanese ha illustrato i vari aspetti della candidatura, da quelli più semplici a quelli più complessi, sottolineando quanto solida sia la proposta di Milano che rispetta la ‘new norm’ dell’Agenda Olimpica CIO 2020. 
Come deliberato dalla Giunta di Palazzo Marino, è stata confermata la decisione di promuovere e sostenere la candidatura del capoluogo lombardo anche nel caso in cui la valutazione del C.O.N.I. concludesse sull’opportunità per l’Italia di essere rappresentata attraverso una candidatura condivisa con altre realtà territoriali, con Milano quale capofila.
La delibera approderà in Commissione consiliare Sport mercoledì pomeriggio e subito dopo sarà trasmessa all’esame e all’approvazione del Consiglio comunale.
“Ospitare questo evento di grande prestigio e rilevanza mondiale - ha dichiarato l’assessore comunale Roberta Guaineri - posizionerà Milano come location naturale per eventi sportivi internazionali negli anni precedenti e successivi al 2026, contribuendo a produrre una serie di effetti positivi anche sotto il profilo sociale, come avvicinare i giovani alla pratica sportiva, promuovere programmi educativi e di inclusione sociale legati allo sport, migliorare ulteriormente qualità e frequenza dei servizi pubblici, favorire l’attrazione di investimenti esteri, incrementare l’occupazione in tutti i settori coinvolti nella produzione di beni e servizi legati all’evento. La legacy dei Giochi contribuirà inoltre al processo di trasformazione positiva di Milano e del territorio lombardo grazie allo sviluppo delle attività sportive a tutti i livelli, attraverso la realizzazione di nuovi impianti sportivi, l’elaborazione di un programma sostenibile che includerà tutti gli 88 quartieri della città, in coerenza con il nuovo progetto di PGT 2030, e la riqualificazione energetica di strutture già esistenti”.
“Ho la certezza che il dossier presentato da Milano abbia una caratura internazionale e interpreti nel migliore dei modi lo spirito che deve caratterizzare un evento come le Olimpiadi. - Così il sottosegretario di Regione Lombardia con delega ai Grandi eventi sportivi Antonio Rossi.
“Regione e Comune di Milano hanno confermato unità d’intenti e assoluta compattezza fin dall’inizio di questa avventura. Uno spirito di squadra che ha contraddistinto anche l’appuntamento odierno a Roma. La collega Guaineri ha esposto in maniera precisa e puntuale i tredici punti che qualificano il nostro progetto. Una proposta che, grazie al supporto di Regione Lombardia, va oltre l’evento, prevedendo interventi che garantiranno, non solo in chiave sportiva, il miglioramento delle nostre infrastrutture, sia in montagna sia in città”. 
“Milano e la Valtellina - ha concluso Rossi - formano un connubio perfetto: la città italiana più internazionale del Paese al fianco di un paesaggio di montagna unico e inimitabile”.

Flavio Fera