ON LINE IL ‘BANDO ALLE PERIFERIE’

Un mese di tempo per presentare i progetti che migliorano i quartieri

Con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita nei quartieri milanesi, di articolare e arricchire le offerte e le opportunità per chi li abita, sostenendo le molte realtà sociali presenti in città, l’Amministrazione lancia il ‘Bando alle periferie 2018’ che rimarrà aperto fino al 1° giugno.

L’avviso pubblico messo a punto dalla Direzione Periferie, finanziato con un milione di euro, quasi il doppio rispetto all’edizione scorsa, è aperto alla partecipazione di fondazioni, onlus, associazioni di volontariato, di promozione sociale, sportiva, culturale, di food policy e sostenibilità ambientale, sia a titolo individuale sia in forme di partenariato. Essenziale è che i progetti siano pensati su misura per i quartieri e le comunità di riferimento in cui verranno realizzati, di cui dovranno cogliere opportunità e risorse, affrontandone sfide e problematiche.

Le aree di intervento possibile sono molteplici, da quella centrata su multiculturalità, coesione e inclusione a quella che punta sulla valorizzazione degli spazi pubblici e del verde urbano, da quelle che promuovono la sostenibilità ambientale o la diffusione delle pratiche sportive alla food policy, intesa come grande opportunità per i quartieri in termini di sviluppo dell’agricoltura urbana sia imprenditoriale sia di autoconsumo, di promozione del cibo sano, di nuove modalità di distribuzione e consumo di prodotti a filiera corta.

Altra novità rispetto al Bando 2017 è che gli ambiti territoriali interessati sono tutti i quartieri della città (ad eccezione del Municipio 1), con particolare riferimento ai cinque più strategici già individuati dall’Amministrazione (Giambellino-Lorenteggio, Corvetto-Chiaravalle-Porto di Mare, Adriano-Padova-Rizzoli, Niguarda-Bovisa e Qt8-Gallaratese).

Del milione complessivo messo a disposizione, 600mila euro andranno a finanziare progetti che ricadono nei cinque ambiti (fino a 200mila per i progetti multi-ambito e fino a 400mila per quelli che ricadono in uno solo dei cinque ambiti), i restanti 400mila saranno invece dedicati alle altre zone di Milano. Ciascuna attività potrà essere finanziata fino a un massimo di 100mila euro se multi-ambito e di 40mila in caso contrario, e dovrà prevedere una quota di cofinanziamento a carico del proponente non inferiore al 10% del costo totale.

Le iniziative proposte - e questa è la terza modifica dall’anno scorso - avranno una durata di 10 mesi, e dovranno svolgersi tra luglio 2018 e aprile 2019.