SICUREZZA STRADALE

Giusto ricordare le vittime della strada, ma non se ne parli solo oggi

Roma – “È giusto ricordare le vittime della strada, ma andrebbe fatto tutti i giorni per prevenire un fenomeno, quello dell’incidentalità stradale, che nel 2017 è tornato a far registrare un aumento di vittime”. Lo ha affermato Carmelo Lentino, portavoce di BastaUnAttimo, la campagna nazionale sulla sicurezza stradale e contro le stragi del sabato sera, in occasione della Giornata mondiale del ricordo delle vittime della strada.

Nel 2017 sono stati 174.933 gli incidenti stradali con lesioni a persone in Italia, in leggero calo rispetto al 2016, con 3.378 vittime (morti entro 30 giorni dall’evento) e 246.750 feriti.
Il numero dei morti torna a crescere rispetto al 2016 (+95 unità, pari a +2,9%) dopo la riduzione registrata lo scorso anno. Tra le vittime sono in aumento i pedoni (600, +5,3%) e soprattutto i motociclisti (735, +11,9%) mentre risultano pressoché stabili gli automobilisti deceduti (1.464, -0,4%); in calo ciclomotoristi (92, -20,7%) e ciclisti (254, -7,6%).

“Serve - ha aggiunto il Portavoce di BastaUnAttimo - intervenire con un programma di sensibilizzazione culturale, cosa che noi chiediamo da anni, senza mai aver avuto risposte positive. Maggiori controlli ed educazione stradale devono rappresentare il focus dell’intervento per raggiungere l’obiettivo europeo di azzeramento dei morti nel 2050”.

“Governo e Parlamento - ha concluso Lentino - riflettano sull’opportunità di istituire un’Agenzia Nazionale sulla Sicurezza Stradale”. 

BastaUnAttimo

campagna nazionale sulla sicurezza stradale

 

www.bastaunattimo.org