Anche le piste ciclabili creano dei problemi.

MINOLTA DIGITAL CAMERA

Le piste ciclabili non hanno ancora raggiunto la maggior età, un tempo le biciclette erano il mezzo di trasporto più utilizzato per andare a lavorare, poi dopo la guerra man mano siamo passati alle motorette, vespa, lambretta, guzzino, e alle auto dalla topolino alla cinquecento, alla seicento e solo intorno al duemila, un po' per l'inquinamento che ci asfissiava, un po' per fare del movimento, abbiamo ripreso la bicicletta.

E i comuni, hanno capito che bisognava favorirne l'uso delle e hanno studiato un piano per creare le benedette piste ciclabili. Nel 2006 Milano aveva già 70 Km di piste costruite appositamente per le biciclette e il Comune considerandone l'uso e l'incidenza nel risparmio di energia e favorendo l'abbassamento dell'inquinamento atmosferico ha continuato a creare nuove piste raggiungendo nel 2011 una lunghezza di 113 chilometri e arrivando nel 2016 a 215 Km di piste tracciate. La linea comunale è di proseguire nella realizzazione di nuove piste, benissimo; ma il Comune deve tener conto della situazione in cui versano molte vecchie piste, alcune sono ben sistemate e protette da auto e moto, altre hanno percorsi pericolosi con attraversamenti di auto, in alcuni punti vi sono piste interrotte, in molte cominciano a evidenziarsi delle buche. Non basta continuare a creare piste, bisogna anche curare quelle esistenti. Si riscontra quotidianamente che i ciclisti continuano ad aumentare ma bisogna riconoscere che Il Comune mostra attenzione alle loro esigenze, nell'interesse persino di tutta la comunità, per la diminuzione del traffico motorizzato e per la lotta all'inquinamento atmosferico. Non dimentichiamo, come avevamo a suo tempo scritto su questo giornale, che il Comune ha terminato poco tempo fa i 3 Km di pista che portano direttamente dal Duomo al Sempione. Chissà se un giorno si potrà organizzare una stramilano in pista con divieto di sorpasso.