ELENCO DELLE ASSOCIAZIONI

La Giunta comunale ha approvato i criteri per l’individuazione di soggetti da invitare a un'eventuale e futura selezione per l’erogazione dei servizi di prima accoglienza per adulti senza fissa dimora, in difficoltà socio-economica e profughi.

Il provvedimento nasce da tre necessità messe in evidenza dall’Amministrazione: la progettazione di un sistema di prima accoglienza in grado di garantire sia interventi strutturali stabili nel tempo, sia emergenziali; la realizzazione di interventi adeguati; la formazione di un elenco di Enti disponibili a erogare servizi di prima accoglienza di diversa tipologia. 
In merito all'approvazione della Giunta si è espresso l'assessore Majorino: Per la prima volta in vent’anni l’Amministrazione procederà alla costituzione di un elenco di soggetti a cui rivolgersi per l’affidamento per la realizzazione d'interventi a beneficio di categorie fragili della popolazione. Inoltre pensiamo che l'accoglienza debba essere sviluppata facendo riferimento alla qualità, alla formazione degli operatori e alla sensibilità di questi ultimi
Gli elenchi avranno durata biennale e saranno aggiornati con cadenza semestrale. Gli enti iscritti nell’elenco saranno chiamati a presentare un’offerta all’interno di una procedura negoziata e il punteggio della proposta tecnica farà riferimento a quattro aspetti: metodologia adottata e descrizione del servizio; esperienza pregressa dell’ente; qualifica e gestione del personale; contenuti migliorativi della proposta senza ulteriori oneri per l’Amministrazione. 
Il punteggio della proposta economica dovrà prevedere una base d’asta per i servizi d'accoglienza non superiore a 32 euro al giorno per persona.
Potranno presentare domanda di ammissione agli elenchi: soggetti del terzo settore con varia configurazione giuridica, attivi nella progettazione e nella realizzazione concertata degli interventi quali gli organismi non lucrativi di utilità social; organismi della cooperazione; associazioni ed organizzazioni di volontariato; associazioni ed enti di promozione sociale; fondazioni; enti di patronato; altri soggetti privati anche a scopo di lucro. 
Chi presenterà domanda di ammissione dovrà inoltre possedere: requisiti di ordine generale di cui all’art. 38 del D.Lvo 163/2006 e s.m.i, ed ogni altro requisito previsto dalla vigente normativa inerente la capacità a contrarre con la Pubblica Amministrazione; esperienza almeno biennale maturata nei servizi alla persona; esperienza almeno annuale nei servizi di prima accoglienza; operatività sul territorio di Milano o provincia, intesa come presenza sul territorio di una sede operativa o come impegno ad attivarla prima dell’avvio del servizio.