Un milione di euro dal Comune per il rinnovo delle caldaie

Incentivare tutti i cittadini a intervenire sull’efficienza energetica degli edifici privati al fine di migliorare la qualità dell’ambiente all’ombra della Madonnina. Nel capoluogo, gli impianti di riscaldamento gravano sulla formazione del Pm10 nell'aria per il 25,4% e i veicoli per il 44%.

È questo l’obiettivo del contributo, di un milione di euro per il biennio 2017-2018, che il comune di Milano darà attraverso un Bando appena pubblicato per interventi di efficientismo energetico su edifici privati residenziali, scuole, ospedali, strutture di accoglienza, culturali e associative. Nello specifico, si tratta di un contributo a fondo perduto che per la prima volta viene destinato anche all’edilizia residenziale privata, copre il 50% delle spese sostenute per un massimo variabile tra i 40 e 70mila euro secondo il tipo di intervento effettuato. Dal canto suo, l’Amministrazione, sia per migliorare la qualità dell’aria, sia per un risparmio in termini economici, ha iniziato già da tempo il lavoro per una maggiore funzionalità in ambito ambientale degli impianti presenti nel patrimonio edilizio comunale non residenziale e residenziale. Circa 600 edifici o complessi di edifici, dei quali 500 sono scuole mentre il resto è costituito da uffici, sedi della Polizia Locale, musei, strutture socio assistenziali, strutture sportive, sono questi i numeri dell’edilizia non residenziale nel perimetro cittadino. 510 edifici sono dotati di caldaie a metano e 50 stabili sono allacciati alla rete di teleriscaldamento, tra questi ci sono il Palazzo di Giustizia, Palazzo Reale e la sede della polizia locale in piazza Beccaria. Quattordici sono le centrali che sono passate da gasolio a metano tra il 2013 al 2016, quattro le nuove pompe di calore installate, mentre 27 edifici sono stati allacciati al teleriscaldamento. Infine, tra il 2017 e il 2020 l’Amministrazione prevede di allacciare al teleriscaldamento altri 27 edifici, oltre l’installazione progressiva di 10.127 valvole termostatiche. Per accedere al bando si può consultare la pagina web del Comune o ci si può recare allo “Sportello Energia” del Comune in corso Buenos Aires angolo via Giovanni Omboni, (scala che porta al seminterrato di fronte al civico 22) aperto dal lunedì al giovedì dalle 10 alle 12 o al numero telefonico 02.88468300 dal lunedì al giovedì dalle 10 alle 13.
 Manuelita Lupo