Unità problemi del territorio

Il Comune e la Polizia locale hanno predisposto una nuova strategia contro occupazioni e insediamenti abusivi dei rom che, prevede dal punto di vista tattico, interventi ripetuti e continui in modo da liberare definitivamente strutture, locali e territori.

Il compito è stato affidato all'Unità problemi del territorio che deve controllare i terreni occupati abusivamente ed effettuare gli interventi. Sono 30 gli agenti che operano in questa Unità, che analizzano le situazioni nella città coordinando le comunicazioni dei cittadini, intervenendo per verificare le situazioni e stabilire quindi gli interventi con la consapevolezza che i rom non se ne vanno ma cercano una nuova sede da occupare e spesso ritornano sul luogo che hanno dovuto abbandonare. Come nella scuola di via Strozzi che avevano ridotto in un letamaio e che ora è stata addirittura blindata per evitare successive operazioni. L'assessore Carmela Rozza ha dichiarato sul Corriere della Sera che l'Unità problemi del territorio interviene non appena viene segnalata una situazione di occupazione abusiva dei rom anche per evitare che l'ingrandirsi acutizzi i problemi e crei maggiori difficoltà per lo sgombero. Gli interventi dei vigili, iniziati circa un mese fa, si sono sviluppati in sette Municipi, non sono stati fatti interventi in centro e nel Municipio 4. Il comandante dei Vigili Barbato ha detto che con questo lavoro di controlli continui e ripetuti si tende soprattutto a prevenire furti, controllare le persone e i documenti delle macchine. Dovrebbero proprio essere la rapidità degli interventi, spesso su segnalazione dei cittadini, e il loro continuo ripetersi a limitare gli insediamenti abusivi, sino possibilmente ad eliminarli.