Piazza Missori cambia volto

Il 23 giugno l'assessore Carmela Rozza ha inaugurato la riapertura di piazza Missori, rimessa completamente a nuovo dopo mesi di lavori.

La zona, un tempo considerata solo un luogo di passaggio, è stata completamente ridisegnata, con la costruzione di un'area pedonale di 2500 metri quadri e una pavimentazione di ciottoli, seguendo l'antica tradizione delle strade di Milano. Al centro della piazza è stata realizzata inoltre un'area verde di 300 metri quadri, fruibile dai lavoratori e dagli studenti che affollano la zona.
Per quanto riguarda il profilo “monumentale” della piazza, sono state valorizzate le rovine della chiesa di san Giovanni in Conca, con la costruzione di una pavimentazione in lastre di granito che ricalca il perimetro dell'antica basilica e con l'istallazione di un sistema di illuminazione.
Dopo l'inaugurazione però non sono mancatele polemiche, in questo caso messe in atto dal capogruppo di Fratelli d'Italia Riccardo De Corato, il quale asserisce che con la cerimonia di apertura della piazza il Comune coglie occasione per farsi pubblicità, presentando una ripavimentazione e la posa di qualche fiore come un'opera straordinaria, oltretutto attribuendosi il merito di progetti cominciati da altri.
Al di là degli scontri politici, la riapertura di piazza Missori rappresenta un'ulteriore passo verso la riqualificazione di alcune aree di Milano un tempo trascurate, che invece adesso vengono strappate al degrado e restituite ai cittadini.
F.F.