Oscar: grandi temi e quelle “donnine”

Perché Leonardo da Vinci voleva volare? Lo spiega il suo allievo Zoroastro, ovvero l’attore, autore, regista Flavio Albanese in "Il codice del volo" che, dal 24 al 26 febbraio, racconta vita, peripezie e segreti del grande genio, soprattutto la sua voglia di conoscere e insegnare.

Ancora Albanese e sempre per “Scienza in scena”, dal 27 febbraio al 1 marzo, "I numeri dell’anima - Il Menone di Platone".  La Virtù può essere insegnata? Menone chiede  a Socrate. Il Non-Sapere socratico induce a una profonda riflessione dialettica. E l’incontro con altri due personaggi porta Platone a dimostrare l’immortalità dell’anima e che la Virtù politica è apparente. Una versione rigorosa, ma che sa dare un carattere popolare a questioni filosofiche senza tempo. Dal 4 all’8 marzo, di Gianni Gori: "Donne donnine donnacce". "Passeggiata semiseria in parole e musica sull’antico mestiere". Gianna Coletti, Giovanna Rossi e Vicky Schaetzinger al piano, rivisitano, con un pizzico di follia, una “viaccia”, dove tornano a passare, spesso con scalcinati protettori, protagoniste dei marciapiedi, da Berlino a Buenos Aires, dai bastioni di Milano ai carruggi di Genova. Carrellata, in parole e musica d’autore, sul tema della prostituzione, con frammenti di letteratura, cinema, teatro: la Dama delle camelie e Irma la dolce, le “passeggiatrici” dell’800 e le canzoni della mala. Il 14 febbraio, alle 16, per la Rassegna di Teatro per ragazzi, Peter Pan. Età consigliata dai 5 ai 10 anni.                            
GDB